Stile Provenzale / Shabby chic – Coastal / Mediterraneo

GT/ AMBIENTI, COLORI, DESIGN, DESIGNS FURNITURES, ERGONOMIA, I SEGNI DI POLLIONE, NOVITA’ DAL MONDO

In questo intervento ho voluto riunire quattro stili con lo stesso mood che, tra similitudini e assonanze, possono esprimere al meglio una casa in cui è palpabile la voglia di libertà e di contatto con madre natura. Per forza di cose si tratterà di un articolo piuttosto lungo che ho deciso d’illustrare a coppie: lo stile provenzale con lo Shabby chic e successivamente il Coastal col Mediterraneo.

Possiamo senz’altro affermare che lo stile Provenzale, lo Shabby, il Coastal e quello Mediterraneo hanno in comune la voglia, la necessità e l’influenza intima del contatto con la natura sino a farsi estetica, forma e funzione a testimonianza di una vita regolata da ritmi più rilassati e in profonda sintonia con essa. 

STILE PROVENZALE

Storicamente lo stile provenzale nasce e si sviluppa intorno al 1600 nella regione della Provenza (sud-est della Francia), sotto l’influsso e la spinta rinnovatrice di Luigi XIV per poi affermarsi prendendo a pieno diritto il suo posto al tavolo degli stili internazionalmente conosciuti e apprezzati. Lo stile Provenzale, che condivide con lo Shabby chic un animo profondamente romantico, non si limita a esprimersi utilizzando forme semplici e rassicuranti negli arredi ma anche attraverso le maioliche, i complementi e, più di ogni altro stile, con i profumi e le essenze. Le sue radici nascono e si sviluppano nella vita di campagna e afferma il proprio carattere attraverso le seguenti peculiarità:

  • colori pastello;
  • biancheria per il bagno in lino, tende a fiori in mussola e paralumi dai tessuti con motivi floreali;
  • arredi di chiara influenza “Luigi XV” per le forme avvolgenti e curvilinee;
  • sedute in paglia di Vienna, poltrone e divani dall’aspetto rustico (nel senso più “romantico” del termine); credenze e contenitori in metallo;
  • utilizzo di legni nobili come il rovere o il noce (a volte pero e ciliegio) ma anche del ferro battuto per i letti.

Lo stile provenzale, ancor prima di essere uno stile d’arredo “codificato”, era (e se vogliamo per alcuni lo è ancora) uno stile di vita contadino scandito dai ritmi della natura che ha permeato di usi, gesti e consuetudini l’ambiente domestico arrivando ai giorni nostri ammantato di un’aura di semplicità e funzioni necessarie mai banali o superficiali (ogni oggetto ha una sua specifica utilità). 

Ad ognuno il suo stile purché tu raggiunga benessere e comfort in casa!

A proposito di benessere, comfort e spazi emotivamente connessi con noi, qui puoi scaricare la mia guida gratuita:
“Le 5 Domande fondamentali per realizzare la casa dei tuoi sogni”

STILE SHABBY CHIC

Lo stile Shabby chic (per gli amici Shabby), sebbene diverso, presenta molti punti di contatto con quello Provenzale (probabilmente più borghese rispetto a quest’ultimo ma meno austero di quello statunitense degli Shaker); vanta origini simili – è uno stile che prende corpo all’interno delle case di campagna – ma nasce in Gran Bretagna e viene riconosciuto come tale solo a partire dagli anni ’80 del secolo scorso (diffondendosi inizialmente nelle dimore della media borghesia statunitense). Lo stile Shabby, come il Provenzale, ha un’anima profondamente romantica che si esprime attraverso:

  • colori delicati e tenui che prediligono le sfumature che partono dal beige per arrivare al bianco passando per il grigio;
  • mobili decapati, artificialmente, fino a far emergere il legno vivo (per ottenere l’effetto di “vissuto”, usato e antico); i mobili originali, da reimpiegare, sono merce rarissima;
  • utilizzo delle forme classiche, con arredi ricchi d’intarsi e dettagli vari;
  • aspetto elegante e ricercato;
  • tessuti naturali come il lino e il cotone.

Con gli anni e la sua diffusione, lo stile Shabby, passa da fenomeno commerciale e di moda a stile di tendenza molto apprezzato per la sua atmosfera elegante e allo stesso tempo romantica.

Share this Post

Leave a Comment